La lavandaia di Kyoto

Vi consiglio di visitare questo link: La lavandaia di KyotoTroverete cose interessanti su come lavare e aver cura dei vostri Keikogi.

Vorrei riportare un paio di esempi significativi:

Leggo dall’antica raccolta di rotoli dello Storico:
“Gli aloni di sudore giallognoli che si vengono a creare sui karategi dopo gli intensi allenamenti devono essere trattati nel seguente modo: pestate finemente tre pastiglie di acido acetilsalicilico (la comune aspirina) e fatele sciogliere in acqua ben tiepida. Immergete quindi per un paio d’ore le parti dell’indumento con gli aloni. Poi, lavate normalmente.”

Leggo dall’antica raccolta di rotoli dello Storico:
“Il karategi va sempre lavato a basse temperature (30°-40°) con un programma breve della lavatrice, possibilmente con un detersivo specifico per togliere il sudore (tipo Deox).”

ModLogoKam


4 pensieri su “La lavandaia di Kyoto”

  1. Vorrei realizzare un impianto fotovoltaico da 3.5kW sul mio tetto. Avete
    un’idea su dove posso comprare i pannelli solari? Quale e la migliore
    azienda? Ogni consiglio e ben accettato. Grazie

    1. Non sono del tutto sicuro che questo sia il luogo più adatto per la tua domanda 🙂 comunque va bene non preoccuparti, spero che qualcuno ti risponda. ciao

Rispondi