Volete scrivere il vostro nome in Kanji? Alcuni suggerimenti per l’uso della scrittura giapponese

Volete scrivere il vostro nome in Kanji?

La maggior parte di voi sa che i Kanji sono caratteri cinesi utilizzati nel sistema di scrittura del giapponese moderno. Non stiamo parlando della traslitterazione katakana che abitualmente è usata per tradurre termini moderni o nomi occidentali, come vediamo ricamata su cinture e quant’altro che riproducono ad esempio il vostro nome in modo esotico. 1276kanji

Il Kanji è usato in congiunzione con i sillabari hiragana e katakana, che abbiamo già trattato in articoli precedenti. In generale i caratteri si usano per rappresentare le parti morfologicamente invariabili delle espressioni giapponesi. Un kanji viene così usato per esprimere i concetti (principalmente sostantivi, verbi o aggettivi) ed i nomi propri (purché siano giapponesi…). Stiamo dunque parlando di scrivere i vostri nomi usando gli antichi caratteri cinesi come tante volte abbiamo visto ricamati sugli uwagi dei maestri giapponesi, un esempio tra tutti il maestro Nakayama, lo potete osservare nelle centinaia di foto che lo ritraggono (ad esempio nei libri della famosissima serie “Super Karate”). Il suo nome è composto da due soli caratteri: Naka – “nel mezzo” e da yama – “montagna” letteralmente nel mezzo della montagna o montagna mediaKANJI

Di seguito qualche esempio di cognomi giapponesi:

Nomi che riguardano il fiume:

Ishikawa 石川 (sasso+fiume)
Ogawa 小川 (ruscello)
Nakagawa 中川 (naka significa in mezzo, o media misura)
Kono 河野 (il primo kanji significa fiume il secondo kampo)
Yasukawa 安川 (il primo kanji significa sicurezza, il secondo fiume)
Egashira 江頭
Mizumoto 水本 (acqua+albero)
Toyokawa 豊川 (il primo kanji significa ricco, il secondo fiume)
Higashikawa 東川 (il primo kanji significa oriente).

Oppure che abbiano a che fare con la montagna:

Yamamoto 山本 (montagna+albero)
Yamada 山田 (montagna+campo)
Yamaguchi 山口 (montagna+apertura)
Yamashita 山下 (montagna+sotto)
Nakayama 中山 (in mezzo alla montagna, o la montagna media)
Yokoyama 横山 (il primo kanji significa larghezza)
Maruyama 丸山 (il primo kanji significa cerchio)
Yamawaki 山脇 (il secondo kanji significa fianco)
Nakayama 仲山 (il primo kanji significa rapporto, relazione)
Yamane 山根 (NB: Yamane Michiru è una compositrice e musicista giapponese).

common_kanji

Tutto ciò allora potrebbe essere tranquillamente trasposto ai nomi e cognomi occidentali? Si in un certo senso ma però possono risultare strani e talvolta bizzarri.

Vi spiego perché.

In primo luogo, ogni kanji ha il proprio significato o più significati. Per esempio il cognome Yokota ed è scritta come 横 (yoko) 田 (ta). Il primo kanji, 横 ha molti significati, come trasversale, orizzontale, obliquo, attraverso, ecc. Il secondo, 田 è più semplice in quanto ha solo un paio di significati: campo o fattoria. E ‘ovvio che gli antenati che per primi usarono quel nome dovevano essere vissuti vicino a un campo o ad una fattoria.

La maggior parte dei nomi occidentali hanno anch’essi significati simili e molti di loro sono legati alle occupazioni dei loro antenati. Prendiamo come esempio i cognomi anglosassoni, come Taylor, Smith, Hunter, Baker, Tanner, ecc.

Ora, se io traduco un nome secondo il significato insorge un problema, in giapponese non avrà un suono simile all’occidentale, ad esempio “Taylor”= “sarto”, tradotto in  giapponese sarà “Shitateya” 仕立て屋. Quindi per questo motivo non funziona, a meno che non si vuole adottare un nuovo nome giapponese.

yaponskaya_kalligrafiya_gr

Più comunemente un nome occidentale è convertito dal suo suono. Ma ci sono almeno due problemi. Uno è che non si hanno alcuni suoni in giapponese come L, V e TH. Taylor sarà scritto come Tei Ra. Voss sarà Bo Su e Smyth o Smith sarà Sumi Su. Poi il secondo problema può essere il significato dei kanji utilizzati per il nome. Prendiamo Taylor di nuovo come esempio. Per il suono di Tei ci sono molti kanji (20 o più) in modo da avere molte scelte. Permettetemi di darvi alcuni esempi; 低 significa basso e 体 significa corpo, 帝 sta per imperatore. Poi il secondo Ra ha solo alcune scelte.  螺 significa lumaca o vite, mentre 裸 significa nudo. Quindi, se si tradurrà il nome Taylor come 帝 裸 (imperatore nudo) o 低 裸 (basso e nudo) o 体 螺 (corpo lumaca) il suono sarà abbastanza coerente ma il significato sicuramente ridicolo.

Per questi motivi, vi consiglio vivamente di evitare i kanji. C’è un grande rischio di avere un nome per così dire “imbarazzante” e sono sicuro che non vorrete mostrarlo il vostro sensei giapponese…

OK questo significa che non si può avere il proprio nome nella scrittura giapponese? No, ma non c’è un modo standard, infatti i nomi occidentali o non-giapponesi sono tradotti. Per fare ciò si usano tre diversi metodi di scrittura, kanji, hiragana (o hirakana) e katakana. L’hiragana è un elemento di base del sistema di scrittura giapponese.  L’alfabeto completo hiragana è composto da 48 caratteri che vengono utilizzati principalmente per la congiuntura tra kanji. Non si usa questo sistema di scrittura per scrivere i nomi tranne quando in kanji è difficile e si ha bisogno dell’hiragana per aiutare la pronuncia. Per maggiori informazioni su hiragana vedi Wikipedia qui: http://it.wikipedia.org/wiki/Hiragana 

japalpha

Il Katakana è un’altro componente del sistema di scrittura giapponese. La parola katakana significa “kana frammentario”, in quanto i caratteri katakana derivano da componenti del kanji più complessi. Katakana e hiragana sono entrambi  siatemi kana, hanno corrispondenti set di caratteri in cui ogni kana, o carattere, rappresenta una  mora  (un suono in lingua giapponese). Vedi Wikipedia sul Katakana: http://it.wikipedia.org/wiki/Katakanakatakana

Uno dei motivi per cui il Katakana è stato sviluppato è quello di descrivere gli oggetti occidentali e i concetti non presenti nella cultura storica giapponese. Un buon esempio è il modo in cui i giapponesi scrivono “computer”. Lo scriviamo così; コンピューター e il suono di questa parola assomiglia alla pronuncia inglese. I cinesi non avendo il katakana scrivono電脳 che significa cervello elettronico. Pertanto i giapponesi non adottano una vera traduzione ma una assonanza fonetica. Così Taylor sarà テイラー e Smith sarà スミス. Katakana_image

Con i tatuaggi è necessario fare maggiore attenzione perché…

Il proprietario di questa caviglia voleva un kanji che significasse “bue”, ma invece ha ottenuto il significato di “mucca”. Pur essendoci andato vicino non credo ne sia rimasto troppo soddisfatto (?).

tatoo-Cow

Conclusione:

Il Kanji può essere davvero cool, ma altresì può essere molto fuorviante. Utilizzare i kanji richiede molta conoscenza non solo sul kanji stesso ma soprattutto sulla cultura a cui esso è associato. Pertanto, suggerisco ancora una volta che nel caso si voglia perseguire la via del kanji in sostituzione al più sicuro katakana, è molto meglio trovare un amico giapponese affidabile o un qualche esperto specializzato nella traduzione, ma soprattutto fate attenzione con i tatuaggi… un errore di interpretazione non si cancella facilmente.

P.S. date un’occhiata a questo sito http://www.samuraibaby.com/ troverete un nutrito elenco di nomi occidentali in Kanji, tanto per farvi un’idea.Schermata 2013-11-10 alle 01.52.46

ModLogoKam

15 pensieri su “Volete scrivere il vostro nome in Kanji? Alcuni suggerimenti per l’uso della scrittura giapponese”

  1. Ho una scritta forse una firma giapponese e non ho la piu’ pallida idea di come tradurla, c’e’ qualche animagentile che puo’ aiutarmi.
    Belinda

  2. Salve ! io sto cercando il modo di creare un frase !

    Volevo farmi un tatuaggio 🙂

    La frase sarebbe “believe in yourself” ( credi in te stesso ) ma non mi fido dei traduttori ( vedi google translate ) anche perchè mi serve l’ideogramma esatto !

    potreste aiutarmi ?

    1. Ciao, la frase che ti interssa è una delle più richieste per i tatuaggi, comunemente si traduce in “JIBUN-JISHIN-WO-SHINJIRO”, cioè “JIBUN-JISHIN-WO”= your + self e “SHINJIRO”= believe. L’immagine dei Kanji è questa: http://e-artjapan.com/zen/images/request-kanji/jibunjishinwoshinjiro.gif puoi verificare altre informazioni su questo indirizzo web: http://www.e-artjapan.com/zen/2007/07/english_to_kanji_translation_b_3.html
      Spero di esserti stato d’aiuto.

  3. Caspita complimenti per il blog !!!
    Una domanda , vorrei farmi una tatoo con il mio nome, siccome sei molto esperto , mi domando se sapresti dirmi come si traduce il mio nome…mi chiamo JHONY
    A breve vorrei tatuarmelo sulla schiena !! grazie mille

        1. Ciao, secondo me il suono è quello ma non mi è mai capitato di tradurlo finora, il tuo nome con la “h” prima della “o” non l’ho trovato, ma il suono (perché il katakana si basa sulla traslitterazione fonetica) è simile se non uguale a Johny o Jony che sono tradotti シヨニ. Non so dirti di più mi spiace.

            1. Dipende dal suono che vuoi ottenere, (ジョニー) è un suono che si associa a: Johnie – Johnnie – Johnny in modo uguale. Mente se si pronuncia in modo tipo Joni – Jonie – Jonnie è più adatto シヨニ. Devi vedere tu.

  4. Ciao sono nuovo e vorrei chiederti come posso tradurre il mio nome è solo che mi hanno dato un nome che è molto differente dal comune non è che puoi darmi la traduzione mi chiamo Achraf

    1. Ciao ecco:

      リカルド
      Riccardo in Katakana (pronounced in Japanese: ri-ka-ru-do). リカルド.

      oppure

      りかるど

      Riccardo in Hiragana (pronounced in Japanese: ri-ka-ru-do). りかるど.

      Oss.

Rispondi